Aggiornamenti

Notizie ed aggiornamenti

giovedì 25 luglio 2024
Carcere: separatezza e sicurezza, ma anche recupero del detenuto
La reclusione non può interrompere la quotidianità dei gesti nella vita della persona
giovedì 25 luglio 2024
Florovivaismo: la Delega al Governo
Si dovrà costituire un quadro normativo organico per la coltivazione, promozione, commercializzazione di fiori recise e piante di serra e vivai (Legge n. 102/2024)
giovedì 25 luglio 2024
Il giorno di riposo compensativo va retribuito con una maggiorazione
In caso di orario continuato e in turni, la giornata di ''smonto'' dopo il turno notturno di 12 ore va qualificata come riposo compensativo e non come assenza dal servizio
giovedì 25 luglio 2024
Gli affidamenti infragruppo nella disciplina pubblicistica
L'esclusione degli affidamenti dalle ordinarie regole di selezione dei fornitori è legata alle dinamiche industriali che caratterizzano i gruppi di impresa nei settori speciali
giovedì 25 luglio 2024
Quali ragioni giustificano il diniego d’iscrizione nella white list provinciale?

Il diniego di iscrizione di un operatore economico nella white list provinciale presenta la medesima ratio delle comunicazioni interdittive antimafia, in quanto si tratta di misure volte alla salvaguardia dell’ordine pubblico economico, della libera concorrenza tra le imprese e del buon andamento della Pubblica Amministrazione. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. III, sentenza 15 luglio 2024, n. 6340.


giovedì 25 luglio 2024
AI Act: la dichiarazione n. 3/2024 dell’EDPB

L’European Data Protection Board (EDPB) ha rilasciato, e poi pubblicato, la Dichiarazione n. 3/2024 “sul ruolo delle autorità di protezione dei dati personali nel quadro della legge sull’intelligenza artificiale”, a fronte della pubblicazione, in data 12.7.2024, sulla Gazzetta Ufficiale UE del Regolamento UE n. 2024/1689 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13.6.2024 (“che stabilisce regole armonizzate sull’intelligenza artificiale e modifica i regolamenti (CE) n. 300/2008, (UE) n. 167/2013, (UE) n. 168/2013, (UE) n. 2018/858, (UE) 2018/1139 e (UE) 2019/2144 e le direttive 2014/90/UE, (UE) 2016/797 e (UE) 2020/1828”) (cd. AI Act).


giovedì 25 luglio 2024
Successione: improponibile l’azione di riduzione se non si chiude in tempo l’inventario

L’azione di riduzione non può essere proposta, nel caso in cui l’inventario sia stato redatto dopo il termine di tre mesi dalla dichiarazione di accettazione dell’eredità beneficiata. La tardiva esecuzione dell’inventario non integra, infatti, un’ipotesi di decadenza dal beneficio di inventario. Lo stabilisce la Cassazione civile, sez. II, sentenza 11 luglio 2024, n. 19010.


giovedì 25 luglio 2024
Tardiva denuncia di sinistro, la Compagnia deve provare il dolo o la colpa

La Corte di Cassazione, ordinanza 11 luglio 2024, n. 19071, ha accolto il ricorso avanzato da una società a responsabilità limitata avverso la pronuncia di una corte territoriale che, al contrario, aveva rigettato la sua domanda di indennizzo dei danni riportati dal tetto del proprio immobile in occasione di un temporale con grandine. Alla base della propria decisione, i giudici di merito avevano dato rilievo ad una pretesa tardività della denuncia di sinistro e ad una ipotizzata condotta dolosa della ricorrente in relazione ad un telefax da essa prodotto in via istruttoria, che sarebbe stato il frutto di una artificiosa rifusione di due documenti diversi, e rispetto al quale l’assicuratore aveva contestato la conformità all’originale del rapporto di trasmissione. Secondo la Suprema Corte, tuttavia, il giudice di merito che escluda in concreto l'esistenza di una rituale certificazione di conformità agli originali, non può limitarsi a negare ogni efficacia probatoria alle copie prodotte, ma deve valutare le specifiche difformità contestate alla luce degli elementi istruttori disponibili, compresi quelli di natura presuntiva. Inoltre, quanto alla pretesa tardività, gli ermellini hanno affermato che per ritenere l’assicurato inadempiente alla propria obbligazione occorre previamente accertare se l’inosservanza ha carattere doloso (nel qual caso egli perde il diritto all’indennità) o colposo (nel qual caso, l’assicuratore ha il diritto di ridurre l’indennità in ragione del pregiudizio subito): in entrambe le circostanze, tuttavia è onere della Compagnia, ai sensi dell’art. 1913 c.c., o dimostrare, nella prima, l’intento fraudolento dell’assicurato, o, nella seconda, la volontarietà dell’assicurato di non adempiere all’obbligo ed anche il pregiudizio sofferto.


mercoledì 24 luglio 2024
Compensi dell’avvocato inesigibili se soggetti a condizione
Se il pagamento dipende dall’adempimento di un terzo siamo in presenza di condizione mista e si applica la relativa disciplina
mercoledì 24 luglio 2024
Richiesta copie all’Archivio Notarile: la Guida del Ministero
Informazioni e contatti utili, come chiedere atti e certificati anche in via telematica e come pagarli
mercoledì 24 luglio 2024
Credito del condominio certo ed esigibile: inutile l’opposizione al decreto ingiuntivo del moroso

Il condomino che si sia visto notificare un ordine di pagamento relativo alle spese condominiali può contestare già nel giudizio di opposizione la legittimità della delibera assembleare sulla quale le stesse si fondano, anche se non ha precedentemente provveduto a impugnarla, a condizione che la domanda volta all'annullamento della decisione assembleare sia formulata nel termine di cui all'art. 1137 c.c. È quanto stabilito dal Tribunale di Vibo Valentia con decreto del 4 marzo 2024, n. 116.


mercoledì 24 luglio 2024
SRL online: l’unico atto a distanza previsto dall’ordinamento

Quali regole si applicano? Qual è il notaio territorialmente competente? Chi ha diritto ad accedere al servizio?


mercoledì 24 luglio 2024
Il nuovo regolamento sul Cloud nelle PA: come implementarlo?

Il Decreto Direttoriale n. 21007/24 del 27 giugno 2024 introduce un nuovo quadro normativo per le infrastrutture digitali e i servizi cloud destinati alla Pubblica Amministrazione. Il Regolamento pubblicato dall’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale, sostituisce il precedente Regolamento adottato con Delibera n. 628/2021 dell’Agenzia per l’Italia Digitale e sarà obbligatorio per le pubbliche amministrazioni a partire dal primo agosto.


mercoledì 24 luglio 2024
Amministrazione aperta h24 per ricevere atti, ma compie attività solo in orario di front-office

La Cassazione penale, Sez. II, con la sentenza 12 luglio 2024, n. 28067 statuisce che “l’estensione oraria (ore 24.00) del termine utile per proporre impugnazione per via telematica spiega effetti in relazione all’attività ricettiva dell’amministrazione; mentre ai fini dell’avvio delle attività che l’amministrazione deve compiere entro un dato termine perentorio, per effetto della tempestiva presentazione dell’istanza, non può che tenersi conto della conoscenza effettiva dell’atto che innesca il procedimento e, dunque, dell’orario di apertura al pubblico dell’ufficio.


mercoledì 24 luglio 2024
La mancata omologa del concordato semplificato per inaffidabilità del piano

Ai fini del vaglio di ammissibilità di un piano di concordato semplificato i termini della proposta devono essere chiari e privi di qualsiasi elemento di incertezza e ambiguità pena l’irritualità della proposta del piano. Così ha stabilito il Tribunale di Pavia con il decreto dell’8 luglio 2024.


martedì 23 luglio 2024
Contribuenti forfetari: si parte con il concordato preventivo
L’adesione alla proposta consente di pianificare la propria tassazione per un anno
martedì 23 luglio 2024
Differenze tra l'azione di riduzione e la richiesta di collazione

In caso di esercizio dell’azione di riduzione, il legittimario ha l’onere di precisare entro quali limiti sia stata lesa la sua quota di riserva, indicando gli elementi patrimoniali che contribuiscono a determinare il valore della massa ereditaria nonché, di conseguenza, quello della quota di legittima violata, senza che sia necessaria all’uopo l’indicazione in termini numerici del valore dei beni interessati dalla riunione fittizia e della conseguente lesione, e, a tal fine, può allegare e provare, anche ricorrendo a presunzioni semplici, purché gravi precise e concordanti, tutti gli elementi occorrenti per stabilire se, ed in quale misura, sia avvenuta la lesione della riserva. Lo stabilisce la Cassazione civile, sez. II, ordinanza 12 luglio 2024, n. 19230.


martedì 23 luglio 2024
Paura di un data breach: si può chiedere risarcimento del danno, ma solo se lo si prova

Una violazione del Regolamento (UE) 2016/679 sulla privacy (GDPR) non è sufficiente, di per sé, a fondare un diritto al risarcimento ai sensi dell’articolo 82, paragrafo 1. Peraltro, l’interessato deve anche dimostrare l’esistenza di un danno causato dal “data breach”, senza tuttavia che il danno debba raggiungere un certo grado di gravità. Lo ha chiarito la Corte di Giustizia dell’Unione europea con la sentenza del 20 giugno 2024 nella quale precisa che addirittura il timore nutrito da una persona che i suoi dati personali (nella specie, la dichiarazione dei redditi), a causa di una violazione del regolamento, siano stati divulgati a terzi, senza che si possa dimostrare che ciò sia effettivamente avvenuto, è sufficiente a fondare un diritto al risarcimento purché, si badi bene, tale timore, con le sue conseguenze negative, sia debitamente provato.


martedì 23 luglio 2024
Legge sui reati tributari in PDF
Scarica gratuitamente l’ebook del testo aggiornato al D.Lgs. 14 giugno 2024, n. 87
martedì 23 luglio 2024
Istanza ultratardiva: il curatore deve provare la conoscenza effettiva della procedura

Le domande di insinuazione al passivo ultratardive sono ammissibili se l’istante prova che il ritardo è dipeso da causa a lui non imputabile. Integra gli estremi della causa non imputabile il mancato invio da parte del curatore della comunicazione ex art. 92legge fallim. Il curatore che abbia omesso di inviare tale avviso deve provare che il creditore ha avuto conoscenza effettiva dell’apertura della procedura, in una data determinata, mediante un atto o un fatto equipollenti all’avviso, che gli assicurino la stessa conoscenza legale che gli sarebbe stata assicurata dal rispetto dell’articolo summenzionato. Questo è quanto deciso dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 18370 del 5 luglio 2024.


martedì 23 luglio 2024
Sì alla continuazione tra bancarotta e corruzione commessi per favorire la società capogruppo
La programmazione può essere ab origine anche generica, purché i reati da compiere risultino previsti come mezzo per conseguire un unico scopo prefissato e sufficientemente specifico
lunedì 22 luglio 2024
Licenziabile il dipendente che fa ostruzionismo in azienda

Il dipendente che adotta atteggiamenti ostruzionistici rispetto all’operato aziendale lede il vincolo fiduciario in modo irrimediabile ed è quindi passibile di licenziamento. Nell’esprimersi i giudici rimarcano che la nozione di insubordinazione non si limita al rifiuto di adempiere le disposizioni dei superiori: comprende ogni comportamento che pregiudica l'esecuzione e il corretto svolgimento delle disposizioni all’interno dell’organizzazione dell’azienda. È quanto stabilito da un recente arresto della Cassazione, Sez. lav., con l’ordinanza 4 luglio 2024, n. 18296.


lunedì 22 luglio 2024
Bancarotta dissipativa e aggravante del danno patrimoniale di rilevante entità
L'entità del danno va commisurata al valore complessivo dei beni sottratti all'esecuzione concorsuale (Cassazione n. 28009/2024)
lunedì 22 luglio 2024
Fideiussione specifica: vessatoria la clausola che dispensa il creditore dal rispetto del termine di sei mesi
La banca deve intraprendere atti di natura giudiziale entro tale termine a pena di inefficacia della fideiussione (Trib. Santa Maria Capua Vetere, sentenza n. 2453/2024)
lunedì 22 luglio 2024
Decreto Coesione, la legge di conversione in Gazzetta
Sostegno per l’avvio di attività imprenditoriali, di lavoro autonomo, libere professioni e bonus assunzioni (D.L. n. 60/2024)
lunedì 22 luglio 2024
La liquidazione giudiziale dell’azienda: dalla vendita al conferimento in una Newco

È stato recentemente pubblicato lo Studio del Consiglio Nazionale del Notariato n. 41-2024/PC, approvato il 13 maggio 2024 attraverso il quale si analizza le caratteristiche della liquidazione giudiziale dell’azienda, chiarendo i principi che regolano la vendita all’interno del CCII e le regole sulla monetizzazione dei diritti del debitore. Con il presente contributo, si fa il punto della situazione sulla materia.


lunedì 22 luglio 2024
Influencer, istruttoria AGCM verso 6 personaggi popolari
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contesta la promozione di strategie per ottenere elevati guadagni senza informare adeguatamente il consumatore
lunedì 22 luglio 2024
Affitti brevi nel centro storico di Firenze: per il Tar nessun divieto

È divenuto inefficace, con l’approvazione del Piano Operativo da parte del Comune di Firenze, qualsiasi divieto introdotto relativamente agli affitti temporanei nel centro storico della città. Con la sentenza del 10 luglio 2024, n. 858, il Tar Toscana ha dichiarato improcedibile il ricorso presentato da alcune società di gestione immobiliare con l’intervento ad adiuvandum della Confedilizia e contestualmente ritenuto inefficace qualsiasi divieto di utilizzare per residenza temporanea, comprensiva delle locazioni turistiche brevi, gli immobili posti all’interno del centro storico cittadino.


sabato 20 luglio 2024
Codice di procedura penale in PDF
Scarica l’ebook gratuito del testo del D.P.R. n. 447/1988 aggiornato alla L. 28 giugno 2024, n. 90
venerdì 19 luglio 2024
Telemarketing: sanzione del Garante a nota azienda del settore energetico
Oltre 6 milioni di euro per chiamate senza consenso degli interessati o a numeri iscritti nel Registro delle opposizioni e assenza di controlli sui contratti acquisiti tramite contatti illeciti
venerdì 19 luglio 2024
Affidamento condiviso: i tempi di bigenitorialità non sono paritetici

Non c’è un’applicazione rigida in termini di parità del periodo di frequentazione del minore con ciascun genitore, ma l’estensione dei tempi può dipendere anche dalla tenera età del figlio e dall’allattamento. Lo ha statuito la Cassazione civile, sez. I, ordinanza 11 luglio 2024, n. 19069.


venerdì 19 luglio 2024
Avvocato: vietate le iniziative giudiziarie inutilmente gravose e sproporzionate per la controparte
Sanzione disciplinare per il legale reo di aver aggredito tre cespiti immobiliari di valore enormemente superiore rispetto al credito vantato (CNF, sentenza n. 94/2024)
venerdì 19 luglio 2024
Concessioni balneari, alla scadenza lo Stato acquisisce le opere non amovibili senza dover indennizzare

È legittimo l’art. 49 del codice della navigazione in base al quale, alla scadenza della concessione balneare, lo Stato acquisisce le opere non amovibili realizzate sul demanio pubblico marittimo (ad esempio, un manufatto in muratura adibito a chiosco–bar) senza essere tenuto a pagare somme per indennizzare il concessionario (ad es., il gestore dello stabilimento balneare). È quanto emerge dalla “sentenza Società Italiana Imprese Balneari Srl” dell’11 luglio 2024 (causa C-598/22) con la quale, infatti, la Corte di Giustizia, ha dichiarato che non costituisce una restrizione alla libertà di stabilimento, prevista dall’art. 49TFUE, una norma nazionale secondo la quale, alla scadenza di una concessione per l’occupazione del demanio pubblico e salva una diversa pattuizione nell’atto di concessione, il concessionario è tenuto a cedere, “immediatamente, gratuitamente e senza indennizzo”, le opere non amovibili da esso realizzate nell’area concessa, anche in caso di rinnovo della concessione. La questione nasce dalla controversia che oppone la Società Italiana Imprese Balneari Srl (SIIB) al Comune di Rosignano Marittimo: considerato il “principio di inalienabilità” del demanio pubblico, dice la Corte Ue, la SIIB non poteva ignorare, sin dalla conclusione del contratto di concessione, che l’autorizzazione all’occupazione demaniale che le era stata attribuita aveva carattere precario ed era revocabile.


venerdì 19 luglio 2024
Realizzazione e gestione delle opere pubbliche con la finanza di progetto
Il project financing nel codice dei contratti pubblici, le società di scopo, la contribuzione pubblica e i fondi comunitari
venerdì 19 luglio 2024
Procedura di licenziamento collettivo: di regola non è applicabile a un solo settore
La Cassazione chiarisce le condizioni e i limiti entro i quali è possibile circoscrivere il licenziamento agli addetti di un determinato reparto (ordinanza n. 18215/2024)
venerdì 19 luglio 2024
È ritorsivo il licenziamento per g.m.o. intimato dopo il rifiuto del part-time?

È ritorsivo il licenziamento per giustificato motivo oggettivo motivato da una presunta crisi aziendale non provata in giudizio e intimato a seguito del rifiuto del lavoratore di trasformare il rapporto di lavoro da full-time a part-time. In questo senso si è espressa la Cassazione, Sez. lav., 8 luglio 2024, n. 18547 che ha avuto modo di chiarire che, nel caso di licenziamento ritorsivo, la tutela applicabile è quella reintegratoria piena (anche nel caso di lavoratori assunti dopo il 7 marzo 2015).


giovedì 18 luglio 2024
Assegno divorzile: la comparazione economico-patrimoniale dev’essere attuale

Al fine di accertare la sussistenza di uno squilibrio economico-patrimoniale al momento dello scioglimento del vincolo, le ragioni di questo squilibrio, la riconducibilità della situazione economico patrimoniale accertata alla conduzione della vita familiare e il concorso della definizione dei ruoli endofamiliari all’accrescimento del patrimonio familiare e dell’ex coniuge è rilevante la verifica dei ruoli e dei compiti durante la vita familiare, e dell’organizzazione della cura e accudimento della prole nella fase intraseparativa, ma questa verifica non esaurisce la valutazione del giudice del merito. Lo stabilisce la Cassazione civile, sez. I, ordinanza17 giugno 2024, n. 16703.


giovedì 18 luglio 2024
Azione di ripetizione contro la banca: il correntista deve allegare contratto e addebiti illegittimi
Il correntista può chiedere un ordine di esibizione contro la banca solo se ha già chiesto in precedenza i documenti mancanti e l'istituto non ha ottemperato
giovedì 18 luglio 2024
Il creditore e i problemi della domanda di liquidazione controllata
La legittimazione del creditore, con quali beni risponde il debitore e questioni di ammissibilità della domanda
giovedì 18 luglio 2024
Trasformazione di porzione di tetto in ballatoio, tra actio negatoria ed aspetto architettonico

La Corte d'appello di Messina, con sentenza del 10 giugno 2024, n. 561, si è occupata di una singolare vicenda nella quale i condomini proprietari dell'appartamento situato all'ultimo piano dell'edificio installavano una ringhiera lungo il cordolo perimetrale della superficie piana sottostante ad una porzione del tegolato, temporaneamente rimosso per consentire la posa di uno strato di guaina impermeabilizzante, realizzando così la trasformazione di una porzione di tetto inclinato in ballatoio praticabile. La fattispecie concreta impone al giudice la disamina dei temi della legittimazione attiva all'actio negatoria e dei presupposti per la conservazione dell'aspetto architettonico dell'edificio.


giovedì 18 luglio 2024
Associazione mafiosa ''a soggettività diversa'': le precisazioni della Cassazione
È sufficiente a integrare la forza intimidatrice anche l'approfittamento di una posizione di rilievo criminale assunta da un partecipe, derivante da precedente condanna
giovedì 18 luglio 2024
Risarcimento del danno da mancata fruizione delle ferie nel periodo di pandemia da Covid-19

Il Tribunale di Salerno, Sez. lav., con la sentenza 17 maggio 2024 riconosce il risarcimento del danno non patrimoniale per mancata fruizione delle ferie utilizzate dal Dirigente Scolastico a giustificazione dell’assenza dal lavoro nei periodi di sospensione per Coronavirus.


giovedì 18 luglio 2024
Il Governo licenzia il decreto sulla ''governance europea dei dati''
AGID designata quale autorità per la notifica per i servizi di intermediazione dati e per la registrazione di organizzazioni
mercoledì 17 luglio 2024
Codice Penale in PDF
Scarica l’ebook gratuito del testo aggiornato alla L. 28 giugno 2024, n. 90
mercoledì 17 luglio 2024
Norme incerte e disorganizzazione creano grandi problemi, soprattutto nelle impugnazioni
Pericolo di fuga e reiterazione, questione penitenziaria, Codice rosso, elezione di domicilio per l'impugnazione e imputato detenuto per altra causa
mercoledì 17 luglio 2024
Condominio e manufatto sul terrazzo: si applicano le norme sulle distanze legali dalle vedute?
Il proprietario di un piano ha diritto di esercitare la veduta in appiombo fino alla base dell’edificio e di opporsi alla costruzione di altro condomino che pregiudichi il suo diritto
mercoledì 17 luglio 2024
La parte che si comporta scorrettamente paga spese maggiorate

Il ripensamento ingiustificato circa una proposta di conciliazione formulata dal giudice ai sensi dell’art. 185-bis c.p.c. costituisce violazione dei doveri di lealtà e probità, rilevante ai fini dell’art. 92 c.p.c. Con questo provvedimento il Tribunale di Verona, sentenza 13 giugno 2024, affronta una questione particolarmente delicata, interrogandosi su quale meccanismo adottare per sanzionare comportamenti scorretti tenuti da una parte. Il Tribunale, in particolare, ritiene che tali comportamenti possano essere sanzionati mediante una maggiorazione delle spese di lite, fondata sul richiamo del settimo comma dell’art. 4 del d.m. n. 55 del 2014.


mercoledì 17 luglio 2024
Quali gli elementi per individuare la natura precaria di un'opera edilizia?

Per individuare la natura precaria di un'opera edilizia si deve seguire non già il criterio strutturale, bensì il criterio funzionale, per cui un'opera può anche non essere stabilmente infissa al suolo, ma se essa presenta la caratteristica di essere realizzata per soddisfare esigenze non temporanee, non può beneficiare del regime delle opere precarie. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 9 luglio 2024, n. 6076.


mercoledì 17 luglio 2024
È doping equino somministrare al cavallo antiinfiammatori per migliorarne le prestazioni

La Cassazione penale, Sez. III, con la sentenza 19 giugno 2024, n. 24257 torna sul delitto di doping equino, di cui al secondo comma dell’art. 544-ter, c.p., affermando che integra tale fattispecie di reato anche la somministrazione di antiinfiammatori senza che ricorra alcuna finalità terapeutica, al solo fine di condizionare le prestazioni atletiche dell’animale.


mercoledì 17 luglio 2024
L’impatto dell’IA nella moda e nel settore tessile: considerazioni giuridiche
La fusione tra intelligenza artificiale e industria della moda delinea un panorama in cui sostenibilità, soddisfazione del cliente ed efficienza operativa rivestono un ruolo centrale